CHIRURGIA GUIDATA

La chirurgia guidata di AR RADIOLOGY SRL si basa sui seguenti principi:

• Accurata ricostruzione tridimensionale del Paziente mediante integrazione di dati provenienti da esami radiologici e scansioni ottiche dei modelli in gesso o scansioni intraorali

• Utilizzo di software dedicato che in modo semplice ed intuitivo consente al Clinico di effettuare una diagnosi pre-implantare completa ed una pianificazione virtuale dell’intervento chirurgico

• Utilizzo delle più moderne tecnologie CAD/CAM e di prototipazione rapida per il trasferimento automatico del piano di trattamento su una guida chirurgica personalizzata e su un modello di lavoro con alloggiamento di analoghi da gesso da montare in articolatore per la costruzione della protesi provvisoria

• Gestione di qualsiasi tipo di intervento di riabilitazione implantare (edentulia parziale, totale e post-estrattivo).

• Sistema aperto e completo applicabile a qualsiasi piattaforma implantare, perfettamente integrabile con i software aperti di modellazione protesica da laboratorio per la progettazione virtuale del provvisorio a partire dal progetto implantare del Medico esportato in formato STL

WORKFLOW

Il processo per la realizzazione di  una dima chirurgica parte dall’impronta del paziente che può essere acquisita in digitale o in tradizionale. Per facilitare i passaggi abbiamo schematizzato l’intero processo.

PRESA DELLE IMPRONTE

CERATURA

DIAGNOSTICA

CBCT CON DIMA RADIOLOGICA

stampa dima chirurgica

COLATURA

DEI MODELLI

DIMA

RADILOGICA

PROGETTAZIONE

CHIRURGICA

intervento chirurgico

IMPRONTA

TRADIZIONALE

•Arcata da operare, antagonista e centrica

•Materiale: Se denti stabili: silicone (o polietere o polisilossani affini) Se denti non stabili: alginato (dopo rimozione o splintaggio) •Massima estensione, non funzionalizzata (anatomica)

•Riprodurre l’esatta situazione della bocca al momento della chirurgia

DIGITALE

•Arcata da operare, antagonista e centrica

•Massima estensione, senza buchi

•Riprodurre l’esatta situazione della bocca al momento della chirurgia

MODELLI

TRADIZIONALE : Colatura dei modelli in gesso extraduro (senza imperfezioni o bolle)

PROTOTIPAZIONE: Stampa 3D in alta definizione del file STL

WAX-UP

TRADIZIONALE

Far prepare dal tecnico IL wax-up e consegnarla al centro AR.

Il centro AR potrà eventualmente fornire il servizio di ceratura diagnostica e occuparsi dell’intero procedimento.

Il procedimento prevede, una volta effettuata la parte chirurgica, di poter utilizzare gli elementi della ceratura diagnostica come provvisori. 

DIGITALE

Far prepare dal tecnico la ceratura virtuale e consegnarla al centro AR.

Il centro AR potrà eventualmente fornire il servizio di ceratura virtuale e occuparsi dell’intero procedimento.

Il procedimento prevede, una volta effettuata la parte chirurgica, di poter utilizzare gli elementi della ceratura diagnostica come provvisori.

DIMA

RADIOLOGICA

EDENTULIA PARZIALE

Realizzata in materiale biocompatibile (per uso temporaneo, di classe I in accordo con la regola 5, allegato IX, direttiva 93/42/CEE) •Comprensiva di reperi radiopachi per il protocollo di doppia scansione

• Sterilizzabile a freddo

EDENTULIA TOTALE (MONTAGGIO PRETESI)

•Rilevazione dimensione verticale  

•Rapporti occlusali  

•Prova estetica

Il duplicato della prova estetica deve avvenire in modo preciso e in materiale radio trasparente NON radiopaco (tipo resina ortodontica), previo ripristino della flangia vestibolare

 

PROTOCOLLO COMPATIBILE Anche se NON consigliato, in caso di paziente portatore di protesi mobile congrua (dal punto di vista estetico e funzionale) è possibile procedere con la sua duplicazione, previa ribasatura della stessa.

CBCT CON

DIMA

CONSIGLI PRE SCATTO

Si richiede la massima stabilità in bocca della dima radiologica.

Per accentuare la precisione e la stabilità della dima consigliamo una registrazione occlusale in silicone fra dima e antagonista.

LA CBCT DOVRA:

- Contenere l'intera arcata dentaria comprensiva della dima radiologica senza tagliare i punti di repere fondamentali per il matching successivo

- Acquisizione massima consentita di 0.25 della slice 

- Se possibile rimuovere possibili artefatti metallici come ponti o scheletrati.

- Una volta fatta la CBCT al paziente con la dima effettuare un secondo scatto alla sola dima

- La dima acquisita dovrà essere completa separare la base della dima dalla base della macchina CBCT con materiale radiotrasparente e di densità inferiore alla dima (es. carta, caratoncino, polistirolo)

- I file DICOM della dima radiologica e del paziente con dima dovranno essere inviati a info@aradiologysrl.com 

SIMULAZIONE

IMPLANTOLOGICA

In questo step il clinico simulerà all'interno del software la posizione e inclinazione degli impianti.

Per poter simulare gli impianti il centro AR lascia al clinico due scelte:

REMOTO : Il centro AR stabilisce una connessione in remoto (collegamento internet) tramite il quale il clinico potrà dettare posizioni e inclinazioni al Tecnico adibito al settaggio della dima.

ONE SHOT: Il centro AR invierà una bozza di progetto precedentemente accordato con il clinico.

Il clinico potrà successivamente spostare e inclinare gli impianti a sua descrizione.

Tale procedimento prevede una buona conoscenza del software.

 

 

PROTOTIPAZIONE

INTERVENTO

CHIRURGIA GUIDATA

IL CONCETTO FONDAMENTALE CHE DIFFERENZIA LA CHIRURGIA GUIDATA DA QUELLA ASSISTITA E' IL PASSAGGIO DELLA FRESA A "FORMA" E DEL MOUNTER DA GUIDATA CHE SONO ASSENTI NELLA CHIRURGIA ASSISTITA

PER POTER UTILIZZARE LA TECNICA DI CHIRURGIA PROTESICAMENTE GUIDATA E' NECESSARIO UTILIZZARE L'IMPIANTO FOX

LA PECULIARITÀ PRINCIPALE DELLA GUIDATA E' LA NON INVASIVITÀ DELL'INTERVENTO CHIRURGICO, POICHÉ SI SFRUTTA LA TECNICA FLAPLESS - TALE PROCEDURA PREVEDE L'INSERIMENTO DELL'IMPIANTO SENZA DOVER SCOLLARE I LEMBI VELOCIZZANDO IL TEMPO DI GUARIGIONE DEL PAZIENTE